Escursione di trekking al Montalbo (Siniscola)

  • trekking in cima alla montagna
  • viste e panorami incredibili sulla costa
  • fiori rari e animali selvatici
  • aria pura e grande senso di libertà

Il Montalbo (o Monte Albo) è un posto magnifico per chi ama le escursioni e sicuramente uno dei preferiti tra i nostri trekking in Sardegna. Il cammino, lungo 15 km, e le sue alte creste (la più alta è Punta Catirina con 1127 metri) dominano il territorio e regalano dei panorami mozzafiato che abbracciano mare e montagna.

Impagabile l’emozione di camminare in quota, immersi nel profumo della macchia mediterranea o all’ombra di piccoli boschi di lecci, fino alle radure dove si incontrano antichi ovili. Alta nel cielo non è difficile avvistare la maestosa aquila reale, mentre il sottobosco è abitato del furtivo gatto selvatico e dalla lepre sarda.

Se avrete la fortuna di fare con noi questa escursione in primavera, vi mostreremo lungo il trekking le numerose varietà di orchidee selvatiche in fiore, alcune molto rare e presenti solo in Sardegna.

Per iniziare l’escursione, raggiungeremo la sommità del massiccio, con un sentiero che sale con un dislivello di 300 metri. Si cammina nel silenzio di un boschetto di lecci e corbezzoli fino al valico di Sa ‘e Mussinu dove visiteremo le rovine di un insediamento pastorale.

Il trekking prosegue tra alberi di quercia ed arbusti di corbezzolo, finché scopriremo un’ampia radura circondata da pareti calcaree. E’ in questa zona che in primavera fioriscono numerose specie di orchidee selvatiche. E’ il momento di fermarsi a scattare delle foto e di fare una sosta per il pranzo al sacco.

Riprendiamo l’escursione seguendo il sentiero, fiancheggiato di tanto in tanto da alberi di rarissimo acero trilobo, che serpeggia tra i pascoli in quota, e dove è possibile incontrare piccoli gruppi di mufloni. Da qui, passando sulla nuda roccia, raggiungiamo la vetta di Punta Catirina, il punto più alto.

L’aria si fa limpida e dalla cima, a meno di 10 chilometri dalla costa, si ammira un magnifico panorama che spazia dai monti granitici della Gallura alle coste del Golfo di Orosei, sino ai contrafforti calcarei del Supramonte.

Sergio e Simone – Jebel Sardinia